Messaggio di fine anno .. . .. . ..


Tra pochi giorni il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano leggerà agli Italiani il proprio messaggio di fine anno tentando di infondere speranza e fiducia alla nazione; compito arduo quello del presidente dopo un anno di stenti e sacrifici, scandali ed olgettine, un anno in cui la fiducia degli Italiani nella politica è scesa ai minimi storici. Mai la Repubblica Italiana ha vissuto un periodo di impoverimento democratico come in questo ventennio macchiato da logiche elettorali aristocratiche, leggi ad personam e oligarchie organizzate a tavolino. Il mio auspicio per il 2013? RIVOLUZIONE. Per il bene della nostra nazione e del mondo intero un cambiamento di mentalità è necessario.

Augurando un sereno 2013 a tutti i lettori riporto di seguito il messaggio integrale pronunciato dall’ultimo vero presidente della Repubblica Italiana, Sandro Pertini. Era il 1979 eppure la modernità delle sue parole risulta sconcertante, mette i brividi, evidenziando lo stato di abbandono ideologico e culturale a cui il nostro paese è costretto. Dopo più di 30 anni abbiamo sempre gli stessi problemi: corruzione, interessi partitici ed ineducazione civile.

Concludo con un estratto del messaggio che è un monito alla classe dirigente ma anche un incoraggiamento per la popolazione a lottare per difendere i propri diritti.

__________________________________________________

Dietro ogni articolo della Carta Costituzionale, amici che mi ascoltate, stanno centinaia di giovani morti nella Resistenza, Quindi la Repubblica è una conquista nostra e dobbiamo difenderla, costi quel che costi. Ma dobbiamo difenderla anche dalla corruzione. La corruzione è una nemica della Repubblica. E I corrotti devono essere colpiti senza nessuna attenuante, senza nessuna pietà. E dare la solidarietà, per ragioni di amicizia o di partito, significa diventare complici di questi corrotti. E l’esempio, soprattutto, in questo deve darlo la classe dirigente, ed in primo luogo, naturalmente, chi vi parla in questo momento. Ecco perché noi dobbiamo e vogliamo difendere la Repubblica. La vogliamo difendere, ripeto, per non perdere, perché il nostro popolo non sia ricacciato indietro di 50 anni, vogliamo difenderla la Repubblica perché non vogliamo che i nostri giovani debbano conoscere l’amara esperienza che abbiamo conosciuto noi. Io credo nella nostra gioventù, a differenza di molti anziani che in questo momento mi ascoltano. La stragrande maggioranza della nostra gioventù è politicamente e moralmente sana.

__________________________________________________

MESSAGGIO DI FINE ANNO AGLI ITALIANI
DEL PRESIDENTE PERTINI

Palazzo del Quirinale, 31 dicembre 1979

Miei cari amici,

eccomi qui per la seconda volta a rivolgervi i miei auguri per l’anno che sta per sorgere. Ve li rivolgo senza nessuna formalità, fuori da ogni norma protocollare, il protocollo, lo sanno i miei collaboratori, mi dà sempre fastidio, come fossi seduto alla vostra tavola, alzare con voi il bicchiere, bere alla vostra salute, alla salute del popolo italiano. e anche alla mia salute.

Il mio pensiero corre in modo particolare in questo momento agli italiani che sono stati costretti a lasciare l’Italia per andare all’estero a trovare lavoro. E’ un’esperienza che io ho conosciuto nella mia lontana giovinezza. Ed io so che questi italiani sentono in questi giorni un desiderio, una nostalgia struggente del loro Paese, dei loro parenti e dei loro amici.

Io vi rivolgo questi auguri con un animo preoccupato, ma anche nel mio animo vi sono delle speranze. Sono preoccupato soprattutto per la disoccupazione che vi è nel nostro Paese, e per la disoccupazione in modo particolare giovanile. La disoccupazione giovanile è un campo fertile, amici miei, per la droga e per il terrorismo.

Per la droga. Io lo so perché ne ho avvicinati di questi giovani, giovani che si sentono, perché senza lavoro, emarginati, depressi, demoralizzati, mal consigliati. Varcano la soglia dei cosiddetti “paradisi artificiali”, che, poi, invece è un inferno che porta alla rovina. E pensano in questo modo di poter trovare un’evasione, ed invece trovano la loro rovina personale.
Bene, vedete, io mi rivolgo agli anziani, ai genitori, agli educatori, talvolta basta una parola di comprensione verso questi giovani depressi, basta una conversazione fatta con loro amichevolmente per evitare che essi possano varcare la soglia della droga e, quindi,della perdizione. Sta a voi genitori ed educatori, stare vicino a questi giovani per salvarli dalla loro rovina.
Ho detto che è anche un terreno fertile per il terrorismo. Risulta da informazioni che molti giovani disoccupati che, pur di guadagnare qualche migliaio di lire, finiscono per diventare dei cooperatori, dei collaboratori dei terroristi. E quindi anche questa è un’altra strada che per i giovani significa la loro perdizione.

Mi preoccupa il terrorismo, il terrorismo che in modo spietato si è scatenato nel nostro Paese. Penso in questo momento alle forze dell’ordine, carabinieri e poliziotti, che sono in prima linea in questa guerra scatenata in Italia dal terrorismo e che pagano di persona. Io vi confesso, amici miei, che non ho più l’animo di recarmi a rendere omaggio ai Caduti, poliziotti e carabinieri che sono Caduti sotto i mitra dei terroristi. Le corone, i telegrammi di condoglianze non possono ridare la vita ai morti e non possono placare il dolore dei vivi.

Ma noi dobbiamo pensare a queste forze dell’ordine così benemerite, e che sono in lotta, ripeto, per difendere noi, per difendere il popolo italiano e la Patria dalla violenza e dal terrorismo. Sono in prima linea e siamo in guerra, e quindi si pensi a dare loro un’indennità adeguata. Devono essere anche fornitI di mezzi moderni, attrezzata meglio, devono essere aumentati gli effettivi, perché non è più ammissibile che costoro facciano dei servizi defatiganti tali da rendere loro impossibile, poi, di lavorare, di sorvegliare come dovrebbero sorvegliare.

Va a queste forze dell’ordine, a questi poliziotti ed a questi carabinieri, tutta la mia personale solidarietà. Ed il popolo italiano deve stringersi intorno a loro fraternamente e con molta riconoscenza. devono sentire costoro questo calore affettivo del popolo italiano. Sarà per loro un grande conforto e sarà un premio, anche, per quanto stanno facendo in difesa del popolo italiano.
Ma io mi vado chiedendo, amici miei, come mai proprio in Italia si è scatenato questo terrorismo? Si erano già verificati atti di terrorismo in Francia e in Germania, ma ormai il terrorismo è spento in quelle Nazioni. Come mai invece si è scatenato qui in Italia, e continua in Italia?

Io ho fatto delle mie considerazioni, che possono essere anche infoNdate, le sottopongo al vostro esame. L’Italia, vedete, è un ponte che unisce l’Europa all’Africa e al Medio Oriente. Quindi un ponte, da un punto di vista strategico, molto importante. Orbene, se per dannata ipotesi i terroristi dovessero destabilizzare il sistema democratico nel nostro Paese, sarebbe un grave danno per noi, ma sarebbe un danno anche per tutta l’Europa e per la pace nel mondo. A mio avviso, qui posso anche sbagliarmi, è un’ipotesi mia personale, e ve la offro come tale, la centrale del terrorismo non è in Italia, è all’estero. Chiedetevi, come mai nei covi che vengono scoperti dall’antiterrorismo non si è mai trovata un’arma di marca italianA? si sono sempre trovate marche, armi di marche straniere. Dunque vi è qualcuno che ha interesse a destabilizzare la nostra democrazia, non soltanto per portare un danno all’Italia, ma per recare un danno all’Europa intIera e quindi mettere in pericolo la pace nel mondo.

Oggi l’antiterrorismo, bisogna riconoscere, che ha avuto dei successi. Dà una grande attività e con dei risultati positivi. Però nessuna caccia alle streghe. Si applichi rigorosamente la legge senza mai violarla, senza mai valicare i confini stabiliti rigorosamente dalla Carta Costituzionale. Il popolo italiano, e qui è un esempio che dà agli stranieri, che dovrebbero prenderne atto, ha dimostrato la sua ferma volontà di resistere al terrorismo. Il popolo italiano sta facendo barriera contro il terrorismo per difendere la democrazia e la Repubblica, per difendere questa Repubblica che non c’è stata donata su un piatto d’argento, ma che ce la siamo conquistata noi dopo una lunga lotta di vent’anni contro il fascismo e dopo due anni di guerra contro il nazifascismo. Dietro ogni articolo della Carta Costituzionale, amici che mi ascoltate, stanno centinaia di giovani morti nella Resistenza, Quindi la Repubblica è una conquista nostra e dobbiamo difenderla, costi quel che costi. Ma dobbiamo difenderla anche dalla corruzione. La corruzione è unA NEMICA della Repubblica. E I corrotti devono essere colpiti senza nessuna attenuante, senza nessuna pietà. E dare la solidarietà, per ragioni di amicizia o di partito, significa diventare complici di questi corrotti. E l’esempio, soprattutto, in questo deve darlo la classe dirigente, ed in primo luogo, naturalmente, chi vi parla in questo momento. Ecco perché noi dobbiamo e vogliamo difendere la Repubblica. La vogliamo difendere, ripeto, per non perdere, perché il nostro popolo non sia ricacciato indietro di 50 anni, vogliamo difenderla la Repubblica perché non vogliamo che i nostri giovani debbano conoscere l’amara esperienza che abbiamo conosciuto noi. Io credo nella nostra gioventù, a differenza di molti anziani che in questo momento mi ascoltano. La stragrande maggioranza della nostra gioventù è politicamente e moralmente sana.

Vedete, amici miei, io ho instaurato al Quirinale lo stesso metodo che avevo instaurato alla Camera dei Deputati quando ne ero Presidente. Cioè io ricevo qui al Quirinale scolaresche; giovani ne ho già ricevuti – in questi mesi E in questi anni che sono qui alla Presidenza della Repubblica – diciotto mila studenti, di tutte le classi e di tutte le Regioni. Ebbene da questi giovani io mi sono sempre sentito e mi sento porre delle domande molto serie. Non faccio loro dei discorsi, intreccio con loro una conversazione, un dialogo, come fossimo antichi amici, e ci riesco sempre. Ed allora ecco perché io mi sono persuaso che la nostra gioventù è molto sana. E’ vero sono giovani, non possono avere la mentalità degli anziani, ed è un errore grave che compiono gli anziani, siano essi genitori o educatori, di voler imporre ai giovani la loro mentalità di anziani. E quindi scavano un solco fra essi e i giovani. Io valico questo solco E vado incontro ai giovani comprendendo la loro mentalità di giovani, che è stata la mia mentalità quando giovane ero come loro. E mi avvicino a loro senza alcuna presunzione, senza alcuna arroganza, come fossi un loro amico da tanto tempo. E dico ai giovani questo: giovani, vedete,voi avete le vostre speranze, le vostre visioni, voi avete un animo puro, noi invece abbiamo la nostra esperienza. E dovete credermi, giovani, se io vi dico che questa nostra esperienza è tessuta di molti sacrifici e di molte rinunce. Abbiamo pagato anche per voi giovani, perché voi foste veramente liberi. Bene, io vi dico: camminiamo di conserva, fianco a fianco, camminiamo insieme, voi con Le vostre visioni, noi con la nostra esperienza. Cerchiamo di camminare insieme sul sentiero della vita. E finché, vedete, un alito di vita mi animerà, io sarò al vostro fianco, giovani che mi ascoltate, per aiutarvi a rimuovere dal vostro cammino gli ostacoli che incontrerete, onde voi possiate percorrerlo con passo fermo e sicuro.

Io voglio sottoporre umilmente, senza presunzione come è mio costume, vi voglio sottoporre una mia, alla vostra meditazione giovani che mi ascoltate, una mia esperienza. Vedete, quando io ero giovane come voi e mi trovavo in una nuda cella dell’ergastolo di Santo Stefano, e giorno per giorno vedevo sfiorire la mia giovinezza, e con la mia giovinezza i sogni più belli che il cuore di un giovane può tessere, nonostante questo, giovani che mi ascoltate, io mi sentivo fiero e orgoglioso, perché quella nuda cella era illuminata dalla luce che si irradiava dalla mia fede politica. 

Giovani, se voi volete vivere la vostra vita degnamente, fieramente, nella buona e nella cattiva sorte, fate che la vostra vita sia illuminata dalla luce di una nobile idea. Scegliete voi, liberamente, senza lasciarvi suggestionare da qualcuno. Fate voi la vostra scelta, purché questo presupponga, però, il principio di libertà, altrimenti dovrete respingerla, per la vostra salvezza. Oh, è vero, giovani, le dittature si presentano apparentemente più ordinate, nessun clamore si leva da esse. Ma è l’ordine delle galere e il silenzio dei cimiteri. Vedete, giovani, io alla più perfetta delle dittature preferirò sempre la più imperfetta delle democrazie. Fate quindi la vostra scelta, e sia una scelta di libertà, giovani che mi ascoltate. Ebbene, è con questo animo che io mi rivolgo ai nostri giovani, perché in loro credo. E se non credessi, oh anziani che mi ascoltate, genitori ed educatori, se io non credessi nella nostra gioventù, dovrei dispErare dell’avvenire della Patria, perché non lo rappresentiamo più noi questo avvenire, lo rappresentano i giovani che Mi ascoltano. E quindi io penso al loro domani. E vorrei che fosse un domani di tranquillità e di serenità per la nostra gioventù. Eppure questo domani, non dobbiamo nasconderlo, è minacciato da pericoli di guerra. Sì, si vanno oggi tessendo trattati, si vanno stabilendo, si dice, degli equilibri fRA le due grandi potenze sulle armi, per quanto riguarda le armi nucleari. Ma gli equilibri, lo sta a dimostrare la storia, non sono mai stati duraturi. Basta un atto di follia di qualcuno, basta un errore di calcolo, che questi equilibri finiscono per crollare. Ebbene, se questo avvenisse, come io temo possa avvenire, perché la pace è molto fragile, e gli ultimi avvenimenti internazionali stanno a provare il fondamento di questa mia affermazione, la pace è molto fragile. E se per dannata ipotesi la guerra dovesse esplodere sarebbe la fine dell’umanità intera, del nostro Pianeta.

Se i popoli della terra, coralmente, potessero esprimersi, al di sopra di ogni differenza ideoloGIca, politica, di ogni razza, al di sopra di ogni credo, e di ogni differenza di credo religioso, tutti i popoli della terra si pronuncerebbero per la pace contro la guerra. Orbene, chi rappresenta questi popoli, chi detiene nelle loro mani i destini di questi popoli, deve raccogliere questa loro volontà e fare in modo che la pace veramente sia duratura. Si spendono miliardi per costruire ordigni di guerra, che se per dannata ipotesi, ripeto, fossero usati sarebbe la fine dell’umanità intera del nostro PiaNETA. E mentre si Spendono miliardi per costruire ORdigni di morte,vi sono migliaia e migliaia di creature umane che nel mondo stanno morendo di fame.

Nel 1979, amici che mi ascoltate, sono morti nel mondo 18 milioni di bambini per denutrizione. Questa strage di innocenti pesa come una severa condanna sulla coscienza degli uomini di Stato e, quindi, anche sulla mia coscienza. Io ripeto qui quello che vi ho detto l’anno scorso facendovi il mio saluto augurale: si svuotino gli arsenali, si colmino i granai. Con questo auspicio io formulo per voi, cari amici, i più’ fervidi auguri. Non dobbiamo disperare. Vedrete che riusciremo ad uscire da questo tunnel della violenza, della disoccupazione, della recessione economica Perché io credo nel popolo italiano. Noi talvolta bramiamo autodenigrarci. Ma, vedete, cari amici, l’altro giorno io ho ricevuto il Corpo DiplomatIco. E tutti i diplomatici che rappresentano il loro Paese qui in Italia, tutti hanno fatto gli elogi degli italiani che lavorano nei loro Paesi, per l’intelligenza dei nostri connazionali, per la laboriosità ed anche per l’onestà. Io ricordo che nel viaggio che ho fatto in Germania, ebbi l’occasione di visitare gli Stabilimenti MAN. Ebbene, il direttore generale di quegli stabilimenti ebbe a dirmi questo: “Vede, Presidente, se per caso, improvvisamente, ci dovesse mancare l’opera dei suoi 800 connazionali operai specializzati che lavorano qui, non dico che dovremmo chiudere lo stabilimento, questo sarebbe esagerato, ma ci troveremmo in una seria difficoltà, perché questi suoi connazionali sono veramente degli operai ammirevoli, noi non ne possiamo fare a meno”.

Dunque vedete che sono gli stranieri ad apprezzarci. Talvolta noi, ripeto, ci disistiMiamo. Io ho quindi ragione di credere nel popolo italiano, un popolo che ha saputo superare situazioni ben più difficili di questa. E saprà superare anche questa situazione.

Ed allora è al popolo italiano che io mi rivolgo in questo momento. E mi rivolgo esprimendo la mia ammirazione, la mia riconoscenza e l’augurio più fervido.

Vedrete che ce la faremo, amici miei, ad uscire da questa situazione.

Ce la faremo, state certi.

Buon anno amici miei.

Tratto da : CESP

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: